Bologna illustrators exhibition

IMG_1560

E anche quest’anno ho il mal di schiena e la testa e il cuore pieni…tipici sintomi del post Bologna Book Fair, uno dei principali appuntamenti per gli addetti ai lavori e appassionati di letteratura per l’infanzia.

 

Come mi sono preparata:

 

Verso gennaio ho contattato le case editrici che mi sembravano in linea col mio stile, ma ho scelto di incontrare solo editori stranieri, perché avevo soltanto un giorno e ho pensato che fosse più interessante concentrarmi su contatti più difficili da ottenere, agli italiani potrò propormi anche in altri momenti.

Ho scritto una mail di presentazione ( in English, of course!) in cui richiedevo un appuntamento durante la fiera, ho proposto due progetti inediti in modo da mostrare il mio modo di disegnare e provare a concretizzare in un contratto.

Ho ottenuto 9 appuntamenti per un solo giorno…non male!

Come ho viaggiato:

Ovviamente con un bagaglio più pesante del mio corpo…nonostante tutti gli studi per essere più leggera e agile…

Per la prima volta ho lasciato a casa la cartellina e ho portato con me il mio laptop (più leggero no??), peccato che con me avessi anche buona parte dei libri che ho pubblicato, il pranzo e altri oggetti vari.

Eppure mostrare i libri concretamente mi è sembrato importante, nonostante spiegassi ai miei interlocutori che le immagini che vedevano dal mio portfolio erano “published”, quando sfoderavo i libri veri, sembravano piacevolmente sorpresi.

 

Cosa ho fatto:

 

Ho incontrato gli editori contattati (americani, inglesi, tedeschi), ho lasciato loro dei piccoli promemoria, mi sono segnata degli appunti riferiti ai colloqui, ho girellato per i vari stand, ho guardato la bellissima mostra degli illustratori, mi sono seduta un po’ qua e un po’ là, in particolare ai confortevoli tavoli in legno dell’allestimento della mostra di illustrazione svedese, ho visto illustratori in carne e ossa, ho raccolto volantini vari, comprato 2 libri da Topipittori e ho giocato a “Disegna il tuo consiglio alla sopravvivenza!” allo stand Mimaster.

 

Silvia Baroncelli_Mimaster

Silvia Baroncelli_ bologna

Silvia Baroncelli_ bologna_tavoli svezia

 

Cosa ho portato a casa:

Come ho già detto, ho incrementato il peso del mio bagaglio con due libri, molti volantini di corsi e concorsi e biglietti da visita.

In più ho dato una scossa necessaria alla mia volontà, passione, amore per il disegno e per la comunicazione in generale. Mi sono riempita gli occhi con immagini di grande qualità, ho respirato il profumo della Fiera (quello di moquette, di panini riscaldati e di carta…buonooooo…).

Spero anche di aver riportato qualche buon contatto, ma questo lo vedremo tra qualche settimana.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>