Hopper visto da vicino

Perché mi è piaciuta così tanto questa mostra?

Probabilmente perché mi sono concessa una breve vacanza con le amiche, forse perchè Roma era illuminata da un sole tiepido e piacevole, ma anche perché Hopper mi porta dentro i suoi quadri come se fossero parte di un racconto.

Non è un caso che l’artista americano si fosse formato proprio in illustrazione, infatti molti dei colleghi illustratori lo prendono come riferimento, talvolta lo citano, e ammirano la sua abilità nel disegnare con la luce.

La nuova tendenza delle mostre è quella di coinvolgere il pubblico, non ci sono divieti per la riproduzione fotografica delle opere, si è anzi invitati a condividere.

Qui condivido alcuni scatti molto vicini alle opere, perché la vera emozione è poter osservare da vicino le pennellate che dalle foto sui libri non si possono ammirare.

IMG_4268

IMG_4276

IMG_4277

 

IMG_4281

IMG_4283

IMG_4286

IMG_4291

IMG_4295

IMG_4301

IMG_4305

 

Alla fine della mostra leggo: “Disegna con Hopper” e una postazione con lavagna luminosa offre la possibilità di cimentarsi in una veloce reinterpretazione di alcune opere dell’artista. Potevo forse tirarmi indietro?

IMG_4320

IMG_4323

 

Infine, foto finale all’interno di uno dei quadri più famosi, da condividere naturalmente.

IMG_4333

IMG_4283

 

Edward Hopper al Complesso del Vittoriano

Fino al 12 febbraio 2017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>